-

Il progetto formativo per sensibilizzare i giovani al valore educativo dello Sport, al Fair Play, al Tifo Corretto e all'inclusione.

Iscrizioni chiuse

PROGETTO

INCLUSIONE, NON VIOLENZA E TIFO CORRETTO

OBIETTIVI:

Sensibilizzare i giovani sui temi del rispetto di se e per gli altri, delle regole, del fair play, del tifo corretto e dell’inclusione.

Nell’ambito delle attività di cultura ed educazione promosse dalla FIGC il progetto, giunto alla sua 5^ edizione, nasce dall’esigenza di valorizzare le attività educative e formative che le leghe e le componenti tecniche della FIGC propongono sul territorio.

  • FORMAZIONE: divulgazione di comportamenti responsabili rivolgendosi a insegnanti, studenti e famiglie.
  • CALCIO PER TUTTI: promuovere la partecipazione attiva di tutti (Ragazze – Ragazzi – Abili e diversamente abili – Etnie diverse). Nessuno Escluso.
  • SEMPRE FAIR PLAY: Educare al rispetto di se stessi, al rispetto per gli altri, al rispetto per le regole.
  • OPPORTUNITÀ: sensibilizzare i giovani sui temi legati al valore educativo dello sport, al fair play, al tifo corretto corretto e all’inclusione.

L’INIZIATIVA È RIVOLTA A TUTTE LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO E SECONDO GRADO DI TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE.

Le scuole potranno iscrivere una o più classi inviando una candidatura spontanea sul portale valorinrete.it entro il 12 gennaio 2020.

Prevede incontri formativi realizzati dai rappresentanti della FIGC, delle Leghe di Serie A, B e PRO e delle Componenti Tecniche (AIA ed AIAC), attraverso dibattiti con gli studenti ed insegnanti di tutte le Scuole che si iscriveranno al progetto.

PREMIO “BEST PRACTICE

Al fine di far emergere le iniziative virtuose territoriali e riconoscerne pubblicamente l’impegno educativo sviluppato da ogni componente partecipante al progetto verrà assegnato il Premio “best practice”. Tale riconoscimento premia/valorizza sia le società e/o comitati locali che avranno prodotto le best practices.

IL PROGETTO HA RICEVUTO IL PIENO SUPPORTO E APPREZZAMENTO DA PARTE DELLA UEFA, CHE LO HA INSERITO NELL’AMBITO DELLA PROGETTUALITÀ “CAPTAINS OF CHANGE”.

#valorinrete #ilcalcioeleoredilezione

Vai al Social Wall

Best Practices 2018/2019

Internazionale F.C.

Sport in cattedra – Io Tifo positivo

Attraverso il progetto “Sport in cattedra – Io Tifo positivo”, la società ha creato un articolato percorso di attività, con l’obiettivo di insegnare ai ragazzi la cultura della sportività per prevenire fenomeni come il tifo violento e il razzismo, valorizzando il rispetto reciproco, la lealtà e la collaborazione.

Il progetto si è sviluppato per diversi mesi nelle scuole milanesi con un percorso di incontri e attività concrete.

In particolare, l’attività proposta presso gli istituti coinvolti, ha saputo coniugare attività dedicate agli studenti, sia di carattere valoriale sia di natura motoria, con momenti di formazione verso insegnanti e genitori.

Inoltre, le esperienze fuori dagli istituti scolastici proposte alle scuole aderenti sono state ideate nell’ottica di rafforzare i messaggi educativi presentati in classe. In questo senso, la presenza delle classi allo stadio “G. Meazza” in occasione della gara Inter-Sassuolo, disputata a porte chiuse, è risultata particolarmente significativa nell’ambito di un percorso di esaltazione dei valori etici dello sport.

Juventus F.C.

Juventus F.C., attraverso una progettualità di ampio respiro, ha coinvolto un numero molto elevato di scuole, studenti e famiglie in un percorso educativo finalizzato alla valorizzazione del rispetto come elemento centrale.

Fair People – il rispetto è un gioco di squadra

Il progetto “Fair People – il rispetto è un gioco di squadra”, pensato per le scuole primarie di Torino e provincia, ha proposto attività multidisciplinari per far vivere agli studenti delle vere e proprie esperienze educative: giochi, strumenti e attività per sostenere la crescita di bambini e bambine “di tutto rispetto”. Attraverso le attività proposte è stato possibile concretizzare gli obiettivi del percorso: allenare le competenze cognitive di problem-solving, sostenere l’empatia, la conoscenza di sé e dell’altro e fornire schemi di comportamento cooperativo per la scuola. Con l’obiettivo di coinvolgere i genitori, ad ogni studente è stata consegnata una guida per le famiglie in cui veniva spiegato il percorso formativo effettuato in classe oltre a suggerire alcune idee su come continuarlo a casa.

Juventus For Special

Parallelamente, il progetto educativo Juventus For Special@school ha portato i ragazzi delle squadre “Juventus For Special” a contatto con i ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado, favorendo l’integrazione sociale di persone con disabilità attraverso la prativa sportiva e l’educazione delle nuove generazioni sul tema disabilità e sport.

Parma Calcio 1913

Vetrina Crociata

Il Parma Calcio ha realizzato un elevato numero di attività, progetti ed iniziative dedicate alle scuole della città e della provincia, dalle quali emerge con chiarezza la centralità della società nella percezione identitaria del territorio, per cui il club e i suoi valori rivestono una significativa rilevanza e una dimensione aspirazionale condivisa.

L’iniziativa “Vetrina Crociata” risulta in questo senso particolarmente significativa, in quanto paradigmatica di un coinvolgimento a più livelli degli stakeholders cittadini, in un periodo particolarmente significativo dell’anno. Gli alunni di ogni ordine e grado di scuola, nel periodo prenatalizio e natalizio, hanno infatti allestito insieme ai commercianti della città di Parma, ad alcune associazioni di volontariato e ad alcune cooperative sociali che operano con persone diversamente abili, vetrine a tema nel centro storico cittadino abbinando i valori del Natale con quelli dello sport, ispirandosi alla storia del Parma Calcio.

Le vetrine sono state giudicate da una giuria popolare, che si è espressa tramite coupon pubblicati dal quotidiano locale “Gazzetta di Parma”, e da una giuria artistica, composta da esperti, rappresentanti della tifoseria organizzata e del Parma Calcio. Tutti i partecipanti sono stati premiati in un grande evento dal Presidente e dall’Amministratore delegato del Parma Calcio con maglia e bandiera della squadra e ospitati allo stadio “Ennio Tardini” in occasione di una partita di campionato.

Brescia Calcio

Il Brescia Calcio ha realizzato una pluralità di incontri ed iniziative dedicate alle scuole del territorio, dalle quali emerge la consapevolezza di rivestire un ruolo educativo rilevante nei confronti dei ragazzi in età scolare.

Gli incontri si sono caratterizzati per una pluralità di temi e attività, ognuna mirata su un diverso target. Gli incontri svolti presso le scuole di Bagnolo Mella (BS), alla presenza dell’allenatore Eugenio Corini, l’Istituto Einaudi e l’IPSIA Moretto, a cui hanno partecipato alcuni calciatori, rientrano nell’ambito delle attività di didattica frontale, con un confronto sui temi valoriali ed educativi dello sport. Il ciclo di lezioni svolto in altre due scuole del territorio è stato invece finalizzato a mettere le competenze dello staff tecnico al servizio dei ragazzi, attraverso lezioni di tecnica calcistica, sempre abbinate ad un momento di confronto sui valori del calcio.

Hellas Verona F.C.

Gioca con la tua classe

Il Progetto Scuola “Gioca con la tua classe” rappresenta una proposta educativa radicata da parte dell’Hellas Verona, che coinvolge dalla stagione sportiva 2011/2012 le scuole di ogni ordine e grado del territorio attraverso attività d’aula dedicate all’educazione ludico-motoria e alla passione per la squadra del cuore, completate da momenti di creatività e confronto in classe attraverso laboratori didattici. L’offerta formativa si contraddistingue per essere concepita in modo differenziato a seconda del target di età, con attività e tematiche mirate in base alle competenze e agli interessi degli alunni.

In fase conclusiva, il progetto prevede inoltre la possibilità per le scuole di assistere ad un incontro casalingo, durante il quale vengono proposte attività ludiche con animazione e la possibilità di essere protagonisti, attraverso una sfilata lungo la pista di atletica dello stadio, durante l’intervallo della partita.

A.C. Padova

Papà portami allo Stadio

Il Progetto “Papà portami allo Stadio”, arrivato alla terza edizione, si pone l’obiettivo di utilizzare il gioco del calcio per affrontare assieme ai ragazzi i concetti di squadra, condivisione, integrazione, rispetto dell’avversario, educazione al risultato.

Il progetto prevede lezioni frontali in aula, durante le quali sono state affrontate le tematiche valoriali dello sport, e lezioni di dell’attività motoria, finalizzate anch’esse a trasmettere i valori alla base del progetto. Le attività si sono svolte alla presenza di numerosi testimonial: giocatori della prima squadra, tecnici del settore giovanile, dirigenti della squadra, giornalisti e anche tifosi, categoria raramente rappresentata nell’ambito delle attività dedicate alle scuole.

Ad ogni alunno è stato distribuito un voucher valido per 2 biglietti in Tribuna Family (1 bambino + 1 adulto) per assistere ad una partita casalinga del Calcio Padova, attività che ha riscosso un considerevole successo e ha contribuito a finalizzare il lavoro numericamente rilevante e capillare realizzato dalla società.

Cavese Calcio

La società ha organizzato una serie di attività per le scuole del territorio, di ogni ordine e grado. L’offerta formativa si è concentrata soprattutto su incontri frontali e convegni, dedicati a rispetto delle regole e dell’avversario, che hanno coinvolto in particolare l’Istituto “Carducci-Trezza”, i cui studenti hanno anche realizzato un cortometraggio su queste tematiche.

Rimini F.C.

Il Rimini F.C. ha realizzato un percorso articolato e strutturato che ha coinvolto le scuole primarie del territorio. Sono stati organizzati dai 2 ai 3 incontri per ogni classe coinvolta nel percorso, durante i quali sono state affrontate tematiche attinenti al progetto (dal rispetto delle regole al fair play e al tifo positivo, fino al concetto di impegno scolastico) e i bambini hanno svolto attività fisica e tecnica, coordinati da un preparatore atletico e da un allenatore messi a disposizione della società. Agli incontri hanno presenziato numerosi testimonial (SLO, calciatori, team manager e allenatori del settore giovanile).

Sono stati realizzati anche alcuni momenti conclusivi che hanno permesso di vivere il clima positivo e il coinvolgimento dei media e delle istituzioni locali e nazionali. In particolare, domenica 31 marzo 2019 i bambini della scuola “Mario Lodi” di Rimini sono stati ospiti in occasione della partita Rimini – Fano, sfilando lungo tutto il perimetro dello stadio e mostrando i cartelloni disegnati da ognuno di loro con un proprio pensiero sull’idea del tifo positivo e fair play.

FC Sudtirol-stemma

FC Sudtirol

Lo sport fa a scuola

La società ha organizzato il progetto “Lo sport fa a scuola”, dedicato alle scuole primarie e secondarie di primo grado del territorio, che hanno potuto vivere una mattinata in compagnia dei calciatori della Prima Squadra e durante la quale sono stati dibattuti argomenti di carattere valoriale legati allo sport. Gli alunni della scuola primaria hanno successivamente avuto modo di esercitarsi in una serie di percorsi tecnici.

Gli studenti delle scuole secondarie di primo grado invece hanno visitato il FCS Center, dove hanno approfondito l’organizzazione di una società sportiva, alla presenza della dirigenza societaria.

Tutti gli studenti coinvolti sono stati invitati a partecipare all’incontro FC Sudtirol – Ternana.

logo-vis-p

Vis Pesaro

L’attività della VIS Pesaro nei confronti delle scuole si è contraddistinta per una pluralità di offerta formativa, dedicata a diversi target. Gli alunni delle scuole d’infanzia, primarie e secondarie di primo grado del territorio sono state coinvolte in un percorso che ha alternato lezioni pratiche ad altre più valoriali legate al concetto di sport in generale.

Per quanto riguarda le scuole secondarie di secondo grado, la società ha intrapreso un percorso formativo con il Liceo Sportivo “Marconi”, anche in questo caso caratterizzato da un mix di pratica e teoria incentrata sul valore dello sport e che ha enfatizzato il concetto di gestione del gruppo e crescita personale. Da segnalare come in uno degli incontri ad esso dedicati anche ad altre scuole sia stata data la possibilità di collegarsi in streaming e di partecipare così al dibattito.

Vincitori Lega Serie A:
Inter, Juventus e Parma

Vincitori Lega Serie B
Brescia, Hellas Verona e Padova

Vincitori Lega Pro:
Cavese, Rimini, Südtirol, Vis Pesaro

Best Practices 2018/2019

AIA-Logo

Caltanissetta

La Sezione AIA di Caltanissetta ha realizzato una pluralità di attività finalizzate alla diffusione dei valori dello sport e all’inclusione di ragazzi provenienti da realtà multiculturali, di difficoltà e disagio. In particolare, sono state promossi:

  • incontri sui temi della disabilità e del rispetto delle regole, dedicati agli studenti di alcuni istituti della città
  • attività̀ formativa finalizzata allo sviluppo dei processi di inclusione sociale ed interculturale attraverso la pratica dello sport a favore di minori e giovani adulti stranieri frequentanti il CPIA di Caltanissetta (Centro di formazione per adulti).
  • attività̀ finalizzata all’inclusione di minori detenuti presso l’istituto penitenziario minorile (IPM) di Caltanissetta attraverso il rispetto delle regole e la pratica dello sport.
AIA-Logo

Nocera Inferiore

La Sezione AIA di Nocera Inferiore (SA), nell’ambito del riconoscimento delle ore di formazione sul Regolamento del Gioco del Calcio come alternanza scuola/lavoro, è entrato in contatto diretto con una molteplicità di istituti scolastici del territorio.

Durante le ore di lezione tenute da 120 relatori, sono stati affrontati temi quali il rispetto delle regole come veicolo di legalità, equità e giustizia e l’accettazione dell’errore commesso dall’essere umano.

AIA-Logo

Terni

La sezione AIA di Terni ha organizzato assieme alla Ternana Calcio un incontro dedicato agli studenti dell’ITC “Casagrande-Cesi”, in cui sono state presentate congiuntamente le figure dell’arbitro e dello SLO. L’incontro è particolarmente significativo perché gli alunni hanno avuto modo di conoscere due figure che, nell’ambito del calcio, ricoprono un ruolo significativo relativamente alla dimensione valoriale dello sport e per la sinergia tra due componenti importanti del mondo del calcio. L’arbitro è stato presentato come esempio di comportamento dentro e fuori dal campo, mentre lo SLO come figura che ha nel dialogo costruttivo tra le parti la propria mission.

AIAC

Vittorio Veneto (TV)

L’AIAC Vittorio Veneto quest’anno ha proposto quattro importanti progetti dedicati alle scuole primarie del territorio: “Un pallone per tutti”, “Motoria a scuola”, “Sport per tutti”, “Settimana dello Sport”. Le attività e le iniziative della sezione di Vittorio Veneto coniugano la dimensione sportivo-motoria del gioco del calcio con gli aspetti valoriali che esso porta con sé, proposte in modalità adeguate alla fascia di età coinvolta.

Vincitori AIA:
Caltanissetta, Nocera Inferiore e Terni

Vincitori AIAC:
Vittorio Veneto

#valorinrete #ilcalcioeleoredilezione

Vai al Social Wall

Best Practices 2017/2018

logo-cagliari-png

Cagliari Calcio

Piccoli Cuori Rossoblu

Il Cagliari ha sviluppato un programma per cui, nell’arco di un incontro a scuola, ai ragazzi viene spiegato il valore della sportività, individuando la figura del vero sportivo e del vero tifoso. Argomento fondamentale è stato il valore della sconfitta, che deve essere preferita ad una vittoria con mezzi sleali. L’incontro si chiude con il saluto del testimonail del Cagliari Calcio.

A seguito dell’incontro le classi partecipanti vengoni invitate allo stadio nella curva dedicata ai Piccoli Cuori Rossoblu, dove possono tifare incitando la propria squadra nel rispetto dell’avversari e delle regole del fair play.

Genoa C.F.C.

Genoa Values Cup

Manifestazione giunta alla sua ottava edizione, ideata con l’obiettivo di conivolgere le scuole primarie e secondarie di primo grado, pubbliche e private, e di creare opportunità di socializzazione, formazione, studio e divertimento in nome del rispetto di una precisa carta valoriale. Il concetto nuovo risiede nella volontà di abbinare l’attività sportiva dei ragazzi un focus specifico sui valori che contribuiranno a farli crescere prima come individui e poi come atleti. Ogni classe è stata coinvolta in due fasi:

  • Fase dei valori (Io canto per te): prima fase incentrata sullo sviluppo di argomenti che richiamano il 125° anniversario della nascita del Club e della nascita del calcio in Italia. A ogni classe è stato richiesto di realizzare un inno. Per la scuola vincitrice è stato organizzata una visita da parte di un giocatore del Genoa Cfc, durante la quale è stato realizzato il video ufficiale dell’inno è stato trasmesso su Genoa Channel.
  • Fase di gioco: momento ludico-sportivo con organizzazione di un torneo di calcio. In caso di parità al termine di un incontro, viene considerata vincitrice la classe che avrà ottenuto il punteggio più alto nella Fase dei Valori.

Hellas Verona F.C.

1. Progetto Scuola – Gioca con la tua classe

Il Progetto Scuola “Gioco con la tua classe” nato nello stagione sportiva 2011/2012 e da allora portato avanti dall’Hellas Verona FC, consiste in mattinate dedicate all’educazione ludico-motoria e alla passione per la squadra del cuore, completate da momenti di creatività e confronto in classe attraverso laboratori didattici. Nello specifico:

  • Scuola primaria: incontri in aula sui temi dell’importanza del gioco di squadro [“L’unione fa la forza”) e l’importanza di imparare a vivere e convivere con le proprie emozioni nel gioco [”Gioca con le emozioni”), temi affrontati grazie all’uso di filmati e slides, seguiti da attività di laboratorio e successivamente da alcuni momenti di gioco in palestra. A tutti i bambini è stato infine chiesto di trascrivere e raccontare le ottività a cui hanno partecipato su un diario regalato a tutti dal club.
  • Scuola secondaria di primo grado: attività propedeutica al calcio abbinata ad attività di laborotario in classe dove si affronta la tematica del “Fair Play” attroverso dei video che riprendono comportamenti corretti di atleti di più discipline con di seguito un confronto tra docenti, istruttori dello Scuola Calcio e del Settore Giovanile. Parallelamente è stato proposto un concorso per la produzione di un breve filmato sul Fair Play. La classe vincitrice del concorso ho potuto partecipare a un wolkabout dello stadio organizzato prima di una partita casalinga dell’Hellas.
  • Scuola secondaria di secondo grado: incontri con testimonial quali giocatori e staff tecnico, per confronti sull’esperienza professionale e sulle tematiche quali Fair Play, integrazione e uguaglianza come valori generali dello sport e nello specifico del mondo del calcio.

Il progetto vive poi una fase conclusiva con l’invito alle scuole ad assistere ad un incontro casalingo dell’Hellas Verona, durante il quale vengono proposte attività ludiche con animazione. In questa occasione poi tutti gli alunni vengono fatti sfilare lungo lo pista di atletica, all’interno dello stadio, durante l’intervallo della partita.

2. Giornate dello sport a scuola

In occasione delle “Giornate dello Sport” previste dal MIUR per promuovere l’attività sportiva all’interno delle scuole di ogni ordine e grado, gli allenatori e i preparatori del Settore Giovanile e dello Scuola Calcio giolloblù si sono recati nelle scuole di Verona e provincia. In occasione di queste giornate sono stati organizzati incontri in aula dedicati alle classi di scuola secondaria di primo grado, affrontando gli argomenti del fair play e
dell’integrazione, attraverso lo proiezione di un filmato e di alcune slide sulle quali è stato poi intavolato un confronto/dibattito con gli alunni. Per le classi di scuola dell’infanzia e primaria sono state previste attività in palestra propedeutiche al calcio con esercitazioni tecniche e giochi a tema su integrazione e fair play.

3. Giornata della legalità

In occasione dello “Giornata della legalità”, appuntamento annuale per ricordare l’importanza di valori quali l’importanza del rispetto delle regole e la correttezza, è stato organizzato al teatro parrocchiale di Bussolengo un incontro sul tema. Protagonista dell’incontro è stato Luigi Busetto, sovrintendente che ha fatto parte della scorta di Giovanni Falcone e che ha potuto portare la propria preziosa testimonianza in fatto di legalità e mafia.

Internazionale F.C.

1. Io tifo positivo e Tweetoffracism #siamofratellidelmondo

Il progetto è stato ideato con l’obiettivo di insegnare ai ragazzi la cultura della sportività per prevenire fenomeni come il tifo violento e il razzismo, valorizzando il rispetto reciproco, la lealtà e la collaborazione. Alla fine del percorso a scuola, i ragazzi e i genitori hanno partecipato ad un grande evento sportivo dove i ragazzi hanno dato l’esempio attraverso slogan, messaggi positivi e un tifo appassionato e corretto, in colloborozione con
l’associazione Comunità Nuova onlus e Comune di Milano. All’interno del percorso, ad alcune classi è stato anche proposta la partecipazione
all’evento straordinario Tweetoffracism #siamofratellidelmondo organizzato in occasione dello Giornata Mondiale contro il razzismo al Memoriale dello Shoah di Milano, in cui sono intervenuti il vicepresidente Javier Zanetti e Francesco Toldo.

2. Evento straordinario “lo tifo positivo – Nel segno di Candido”

Martedì 17 aprile in occasione della partita Inter-Cagliari sono stati ospitati allo stadio quasi 1.400 ragazzi che hanno partecipato al percorso “lo Tifo Positivo” (2 ore di lezione). Ragazzi, genitori e insegnanti oltre ad aver sostenuto con entusiasmo inesauribile la squadra per tutti i novanta minuti di gioco, si sono resi protagonisti di un emozionante giro di campo nel corso dell’intervallo.

3. Bullismo in offside

Il percorso è la prosecuzione del progetto pilota dello scorso anno realizzato contro il bullismo giovanile, soprattutto nella sua forma più tecnologicamente evoluta nota come “cyberbullismo”. Obiettivo del progetto è quello di aumentare lo consapevolezza sul tema e contribuire a diffondere la cultura del rispetto, dell’aiuto, dell’inclusione, della non violenza. È stato organizzato, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca e con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia sul territorio di Milano, un percorso per insegnanti per la prevenzione di bullismo e cyberbullismo. Focus particolare sulle classi con studenti dai 10 ai 15 onni ed è diviso in
due parti:

  • un seminario formativo per insegnanti in cui i docenti referenti individuati per ogni scuola seguono gli interventi dei docenti formatori
  • interventi nelle scuole da parte dei docenti così formati che, nelle vesti di Coach Senior, intervengono direttamente nelle classi delle scuole individuate in accordo con il Dirigente Scolastico

Empoli F.C.

Progetto Scuola del tifo azzurro “lo tifo per il mio Empoli”

L’Empoli F.C. ha organizzato un vero e proprio programma annuale di coinvolgimento delle scuole del territorio, focalizzandosi prevalentemente sull’interazione educativa con le scuole primarie. Durante gli incontri organizzati dall’inizio dell’anno scolastico fino a marzo 2018 si è parlato dell’importanza, nel calcio come nella vita, delle regole e del rispetto degli altri.

Il progetto sviluppato dal Club è proseguito anche nella seconda metà dell’anno scolastico.

S.S. Monopoli

Il Calcio e le ore di lezione

Nell’ambito de “Il Calcio e le Ore di lezione” l’S.S. Monopoli ha coinvolto nel progetto 7 istituti del territorio, nei quali sono stati organizzati alcuni incontri a cui hanno partecipato testimonial sportivi che si sono confrontati con i genitori e i ragazzi sui temi come il fair play, l’integrazione e la socializzazione. Gli istituti coinvolti sono inoltre stati invitati ad assistere alle gare interne dell’S.S. Monopoli.

Piacenza Calcio 1919

1. Educazione motorio o scuola

A partire da ottobre, a turno tutti i giocatori della prima squadra hanno tenuto lezioni di educazione fisica nelle scuole primarie dello città e della provincia, proponendo ai bambini attività ludico-motorie appositamente studiate dallo staff tecnico. Inoltre i giocatori hanno arricchito la visita con testimonianze dirette su alcune tematiche molto importanti nel calcio e nella vita di tutti i giorni come il fair play. Lavorare nel gruppo e per il gruppo, lotta al bullismo e alle discriminazioni di genere. Infine è stato chiesto ai bambini di realizzare dei disegni per rappresentare i migliori
momenti della mattina.

2. La squadra invisibile

Il Piacenza Colcio ha partecipato ad un incontro presso il Liceo Classico “Gioia” in cui si è offrontata la temotica dell’organizzazione e della strutturazione di una società sportiva. In particolore si è focolizzata l’attenzione sulla figura dello SLO, il ruolo che riveste nei confronti dei tifosi, le iniziative e i benefici che può apportare fornendo come esempio alcune best practice. Successivamente una roppresentanza degli studenti si è recata presso lo Stodio “Garilli” dove ho potuto vedere all’opera la “squadra invisibile”. Dopo aver mostrato lo stadio ai ragazzi e gli ambienti riservati alla prima squodra, gli studenti sono stati suddivisi in piccoli gruppi di lavoro ed hanno affiancato le varie figure professionali.
La stessa attività è stato riproposta esclusivamente nella parte di visita ollo stadio onche con l’ I.S.I.I. “Marconi-Da Vinci”.

3. Progetto di morketing territoriale

Il Piacenza Calcio ha collaborato con l’Istituto Tecnico “Romagnosi” in un progetto di marketing territoriale promosso dall’Università Cattolica di Piacenza sul tema del rapporto tra turismo e sport quale opportunità di crescita per il territorio.

4. #Armoniadisquadra

Il Piacenza Calcio ha coinvolto il Liceo Classico “Gioia” in un progetto chiamato #armoniodisquadra, noto dall’esigenza di descrivere l’importanza del lavoro di gruppo in qualsiasi contesto. Per spingere i ragazzi a riflettere sul concetto di gruppo (e dell’armonia ol suo interno). Si è chiesto di far rappresentare alle singole classi, attraverso un breve cortometraggio, uno o più fatti, reali o inventati, in cui il gioco di squadra (nel mondo del lavoro, nello sport o nella vita di tutti i giorni) è risultato determinante per il successo del gruppo.
La seconda parte del progetto si è svolta a scuola, attraverso un incontro di due ore a cui hanno partecipato tutte le classi coinvolte, che hanno potuto assistere alla proiezione dei video realizzati e alle testimonianze di rappresentanti della nostra Società, del giornalismo e del mondo del lavoro piacentino. I ragazzi hanno partecipato in modo attivo all’iniziativa creando un breve filmato rappresentante fatti reali o inventati in cui il gioco di squadra è risultato determinante per il successo del gruppo.
Ospiti della giornata conclusiva del progetto sono stati Marco Polenghi, imprenditore piacentino titolare dello Polenghi LAS s.r.l. – azienda che esporta i propri prodotti in tutto il mondo – Paolo Gentilotti, Copo Servizio Sport del quotidiano La Libertà, collaboratore della Gazzetta dello Sport e autore di 11 volumi di carattere sportivo e Mottia Corradi, giocatore centrocampista del Piacenza Calcio 1919.
Davanti ad un’aula gremita e partecipe gli ospiti hanno raccontato la propria esperienza di gioco di squadra, ognuno nel proprio settore di lavoro: gli ambiti di competenza sono completamente diversi, ma in ogni ambiente i risultati dipendono dalla capacità o meno di fare gruppo, di creare armonia di squadra.

Pordenone Calcio

Progetto di alfabetizzazione motoria

Il progetto ha previsto percorsi di alfabetizzazione motoria dedicati ai bambini dello scuola primaria. L’attenzione è stata focalizzata sul costruire strategie di cooperazione e collaborazione tra gli alunni. A questo intervento si è sempre aggiunta la specifica voloriale dell’impegno e del tema del fare “squadra” come valore aggiunto dell’attività sportiva. Al termine del percorso, insieme al corpo docenti, è stato fatta una verifica dei risultati raggiunti.

Premiazione-Il-calcio-e-le-ore-di-lezione-74

U.S. Pistoiese 1921

Sport a scuola

L’U.S. Pistoiese 1921 ha collaborato con il progetto “Sport a scuola”, organizzato dal Comune di Pistoia in collaborazione con il Provveditorato agli studi – Ufficio scolastico provinciale. Il club da gennaio ha iniziato a far visita alle scuole primarie pistoiesi con l’istruttore Sandro Anichini. Il progetto si è concluso con una festa olloo stadio dedicato ai bambini, a cui hanno partecipato alcuni calciatori del club.

Sono stati inoltre organizzati alcuni incontri sulla storia del club in alcune scuole superiori del territorio.